ANCORA SUL CODICE IBAN – BOLLETTINI POSTALI

Nonostante le promettenti notizie riportate in proposito anche su questo sito, POSTE ITALIANE, pubbliche amministrazioni dello Stato, delle Regioni e dei Comuni, enti e società di gestione di servizi di pubblica utilità, insistono imperterriti a infischiarsene delle disposizioni delle Autorità di Garanzia così come di provvedimenti di legge.

Continuano così a circolare ed essere inviati ai cittadini bollettini postali recanti, sì, le apposite caselline per l’iscrizione del codice IBAN relative al conto corrente su cui effettuare il versamento: ma le caselline vengono riempite, anziché con i dati del codice,  con minuscoli asterischi.

Con consueta sfrontatezza e protervia tutta italiota, proprio organismi pubblici o a partecipazione pubblica sono i primi a violare leggi e regolamenti senza, peraltro, incorrere immediatamente in sanzioni e provvedimenti correttivi.

Sollecitatovi da un recente commento al post già citato, ho inoltrato una richiesta all’ACI di Roma – che gestisce per conto della Regione Lazio la riscossione delle tasse automobilistiche – per sapere se risultasse in regola il pagamento del bollo di circolazione da me effettuato con bonifico a favore del conto corrente postale della Regione (di cui mi ero procurato l’IBAN per vie traverse).

La risposta dell’ACI è stata senz’altro pronta e garbata, ma in concreto mi si dice che, mentre il pagamento mediante bonifico è certamente fattibile, i dati sui pagamenti tramite Poste vengono trasmessi all’ACI dopo molti mesi: conseguentemente, non può esserne rilasciata ricevuta, che è la sola documentazione idonea a comprovare l’avvenuto pagamento, in quanto la mia attestazione di bonifico sarebbe soltanto disposizione al pagamento (sic!).

In poche parole, in caso di controllo, sarei io a essere trovato in difetto… a causa del ritardo dell’ente beneficiario nel rilasciarmi regolare ricevuta!

Questi sono la considerazione e il trattamento riservati al cittadino di null’altro colpevole se non di voler pagare tasse, contributi e tariffe secondo metodi perfettamente legali ma, evidentemente, sgraditi ai percettori.

Di fronte a tanta protervia, forse l’unico rimedio possibile potrebbe essere l’emanazione di una disposizione drastica quanto semplice: vietare l’emissione di bollettini postali privi dell’indicazione del codice IBAN. A quel punto Poste Italiane, amministrazioni, enti e società sarebbero posti di fronte a un dilemma secco, che sarebbe assai improbabile fosse risolto rinunciando ad inviare al cittadino utente il bollettino di pagamento.

In fin dei conti, si tratterebbe di una misura analoga a quella che ha fatto obbligo di emettere, di norma, soltanto assegni bancari marcati come NON TRASFERIBILE.

Ho pensato perciò di avviare una petizione al Ministro della Pubblica Amministrazione in tal senso: tutti gli interessati possono contribuirvi firmandola su questo sito.

Annunci

2 Responses to ANCORA SUL CODICE IBAN – BOLLETTINI POSTALI

  1. Benelli Roberto says:

    8-7-2016 In data odierna continuo a ricevere ancora bollettini postali senza IBAN questa volta da ENEL distribuzione per un impianto fotovoltaico, per posta ordinaria con data scadenza a 2o 3 gg. Chi è il garante per questa questione. Io non posso più !!!!!! Grazie.

    Ciao.

    Roberto
    Sono disponibile a procedere la battaglia anche direttamente.

  2. orazio says:

    Ho inviato al Sindaco di Aci Castello attraverso facebook il seguente msg, vedremo la risposta:
    ——————
    “Oggi mi è arrivata il bollettino della TARES, in acconto, speriamo che il nostro Sindaco riesca a ridurla, così come ha promesso, e alla stesso tempo riesca a tenere pulita la cittadina così come ha dimostrato di saper fare.
    Scrivo però perchè il bollettino è privo del codice IBAN, che mi consentirebbe di pagarlo da casa e senza spese, in *contrasto* con le disposizioni delle Autorità di Garanzia sulla Concorrenza e delle *normative di legge*.
    Chiedo al nostro Sindaco, ma è così difficile rispettare le normative di legge?
    Ritenendo che la mancata indicazione dell’IBAN sia stata una scelta inopportuna di qualche funzionario e sicuro che il Sindaco saprà intervenire tempestivamente presso i responsabili, aspetto una comunicazione pubblica dell’IBAN corrispondente al CCP indicato sul bollettino.

Scrivi un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: